Nephilim Force

Gli Shadow Soldiers Italiani

Archivi Categorie: City of Bones

Svelata la Sinossi di The Mortal Instruments: City of Bones!

Il sito Collider riporta la sinossi ufficiale del film The Mortal Instruments: City of Bones:

Clary Fray (Lily Collins) è una normale ragazza di Brooklyn fino a quando una sera incontra il misterioso e tatuato Jace, che si rivela essere un guerriero mezzo angelo chiamato Shadowhunter. Clary quando scopre che sua madre Jocelyn è stata rapita, spera disperatamente che Jace potrà aiutarla. Dopo essere stati trasportati di colpo attraverso lo spazio e il tempo tramite un portale dorato, Clary capisce che anche lei possiede i poteri degli shadowhunters. Ma può domarli in tempo per salvare sua madre?

Jace, Clary e i loro compagni shadowhunters sopportano un’incredibile battaglia dopo un altro scontro con i vampiri, gli stregoni e i demoni – solo per scoprire che Jocelyn cela un terribile segreto dal guerriero più valoroso di tutti: Valentine. Esiliato dal mondo degli shadowhunters, Valentine rapì Jocelyn credendo che anche lei avesse un oggetto potente noto come la Coppa mortale. Usando il suo nuovo dono Clary trova la Coppa, solo per essere poi brutalmente tradita e costretta ad abbandonarla.

Ancora indebolita da questa sconfitta e correndo in aiuto di Jocelyn prima che sia troppo tardi, Clary si trova coinvolta in una battaglia tra forze che a mala pena capisce.

Basato sulla saga best seller di Cassandra Clare, The Mortal Instruments: City of Bones  è un magnifico urban fantasy ricco di dettagli e tensione che porterà una ragazza in un viaggio negli angoli più oscuri del male per salvare coloro che ama.

Cassandra Clare in un cameo nel film di The Mortal Instruments?

Vodpod videos no longer available.

Questa è la domanda che Mtv ha posto alla scrittrice. Vediamo cosa ha risposto! ^^

I miei amici Rachele Cohn e David Levithan -il loro libro Nick & Norah’s Infinite Playlist è stato adattato a film – e loro sono nella scena nel ristorante Veselka, in fondo alla Nine Steet. È uno dei miei luoghi preferiti New York, così se io optassi di essere in una scena nel film, vorrei essere in una scena di folla o qualche cosa di simile. Forse in Taki, una sorta di ristorante magico in cui vanno. O qualche altro posto dove possa sentirmi collegata con quel luogo di New York.”

” Vorrei essere nello sfondo”,dice con una risata. “All’inizio nello sfondo. Non voglio nessuna battuta.”

Fonte: Mtv

The Malec Scene

Vi proponiamo ora tradotta la scena Extra di City of Bones che ieri Cassandra Clare ha condiviso dopo aver raggiunto la soglia dei 30 mila fans:

It was printed on thin paper, nearly parchment, in a thin, elegant, spidery hand. It announced a gathering at the humble home of Magnus the Magnificent Warlock, and promised attendees “a rapturous evening of delights beyond your wildest imaginings.” —City of Bones

Fermo dalle scale a casa di Magnus, Alec fissò il nome scritto sul muro sotto al campanello. BANE. Il nome non sembrava proprio addirsi a Magnus, pensò, non ora che lo conosceva. Se si poteva dire di conoscere qualcuno quando si era stati a una delle sue feste, una volta soltanto, e poi questo qualcuno ti aveva salvato la vita, ma alla fine non aveva aspettato per essere ringraziato. Ma il nome Magnus Bane gli faceva pensare a una figura di tipo possente, con spalle immense e abiti formali da warlock color porpora, che invocava fuoco e fulmini. Non Magnus in sé, che era più un incrocio tra una pantera e un elfo demente.

Alec inspirò profondamente e buttò fuori l’aria. Beh, era arrivato fin qui; a questo punto valeva la pena continuare. La lampadina scoperta che pendeva sopra di lui gettò ampie ombre mentre si allungò e spinse il campanello.

Un momento dopo, una voce eccheggiò per tutte le scale. “CHI FA’ APPELLO AL SOMMO WARLOCK?”

“Ehm,” disse Alec. “Sono io. Voglio dire, Alec. Alec Lightwood.” Leggi il resto dell’articolo

La Sceneggiatura di The Mortal Instruments

Questo che vi riportiamo è un interessante articolo riguardante l’adattamento del libro City of Bones all’imminente pellicola:

Una delle preoccupazioni di ogni libro rivolto all’adattamento cinematografico riguarda come il film rimarrà fedele al libro.

Libri e film sono due cose completamente diverse tant’è che quando si converte l’uno all’altro, le cose sono destinate a essere cambiate. Ma “nel fino a che punto” risiede la vera preoccupazione. Ma questa non sembra essere una preoccupazione per Cassandra Clare.

La Clare è stato inizialmente contattata per adattare il progetto “City of Bones” a sceneggiatura, ma lei ha rifiutato, in quanto non era esattamente il suo forte.

“Io non sono uno sceneggiatore”, ha detto in un’intervista con Reelz Channel . “Ho letto abbastanza sceneggiature per sapere che si tratta di una abilità diversa dallo scrivere un libro. Ho preferito lasciare il compito nelle mani di qualcuno per cui scrivere una sceneggiatura è quello che fa’. “

Jessica Postigo è stata scritturata per adattare “City of Bones” a sceneggiatura e da allora l’ha completata, sicuramente subirà grandi cambiamenti da ora fino e durante le riprese. Postigo, una fan della serie, ha incontrato diverse volte Cassandra per discutere gli aspetti più importanti del libro.

Fin dall’inizio, la Clare pensò che lo studio avrebbe dovuto iniziare con la propria visione esclusiva, per quanto riguarda lo script, e sembra essere soddisfatta di come le cose sono progredite.

Cassandra ha visto la versione più recente dello script, circa sei settimane fa, e ha detto che “è rimasta abbastanza fedele al libro.

Una delle domande che le è stata fatta nella sua intervista con Reelz Channel era quella riguardante quale  aspetto del libro abbia chiesto di mantenere nello script.

Di non togliere l’incesto”, Clare ha ricordato di averlo detto alla Postigo durante un incontro a pranzo. “Erano come, ‘no, no, non ci sogneremmo mai di toglierlo.’ E ‘ancora lì.

Ha anche osservato che, insieme all’incesto, gli amati personaggi Alec e Magnus sarebbero rimasti fedeli alle proprie radici gay.

Ma delle cose che hanno cambiato, la maggior parte avevano a che fare con il tempismo del film a differenza della tempistica del libro.  Secondo la Clare:

Non ci sono personaggi inventati o scene che sembrano fuori posto,” ha detto.

Fonte: Tmisource

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: